15 Maggio 2020 - Bed&Runfast

Your address will show here +12 34 56 78
Storie
Correre, correre faticando, offre un altro prezioso insegnamento: allena alla disciplina e alla rinuncia.

Oggi siamo fatalmente attratti dalla quantità e dalla distrazione, che della quantità è figlia; il nostro io bulimico è bramoso di sfiorare cose, di sfiorare esperienze, senza mai soffermarsi su alcunché.

Forse perché l’illusione di espandersi all’infinito è, di nuovo, illusione di eternità.

La corsa ci dimostra invece che non si può essere tutto né avere tutto.

Siamo esseri finiti, finiti sono il nostro spazio, il nostro tempo e le nostre possibilità; ma se accettiamo questa finitezza, circoscrivendo un ambito d’azione e dedicandovici con tutta la nostra passione, con tutta la nostra concentrazione, possiamo ricavarne gioie grandi.

Gioie grandi ed effimere, d’accordo, che non ci garantiranno l’immortalità, che al contrario ribadiranno la nostra minuscola presenza nell’universo; ma è pur sempre la nostra presenza, non disponiamo d’altro, ed è proprio la somma di tutte le minuscole presenze a formare l’universo.

(Tratto dal libro Runningsofia. Filosofia della corsa di Claudio Bagnasco, fondatore di Bed&Runfast.)
0